L’assunzione adeguata di vitamina C ha un ruolo importante per la salute. Si tratta di un micronutriente che vanta diverse proprietà, proteggendo le cellule dai radicali liberi, mantenendo la pelle sana, preservando i vasi sanguigni, contribuendo all’assorbimento del ferro e altro ancora. A fornire i dettagli è l’Istituto superiore di sanità (Iss), secondo cui «la vitamina C, nota anche come acido ascorbico, è una vitamina idrosolubile, vale a dire che si scioglie in acqua. Questa sostanza ha proprietà antiossidanti e aiuta a mantenere sane le cellule proteggendole dagli effetti dei radicali liberi generati durante la normale attività cellulare». La vitamina C non è prodotta dall’organismo, che la può assumere solo attraverso la dieta o integratori alimentari.

Le numerose funzioni della vitamina C.

Sono diverse le funzioni che la vitamina C svolge nell’organismo. Interessano diversi apparati, contribuendo alla salute e al benessere generale del corpo e della mente. Sempre l’Iss evidenzia come «la vitamina C aiuta a mantenere la normale funzionalità dei vasi sanguigni, preserva la salute di denti e gengive, facilita l’assorbimento del ferro di origine vegetale, partecipa alla formazione, crescita e riparazione del tessuto osseo e connettivo, aiuta a mantenere sana la pelle, aiuta la cicatrizzazione delle ferite». Tra gli alimenti più ricchi di acido ascorbico molte varietà di ortaggi come peperoni rossi e verdi, kiwi, arance e agrumi, fragole, pomodori, ribes nero, broccoli, cavoli, cavoletti di Bruxelles, spinaci e patate. La Società italiana di nutrizione (Sinu) indica il fabbisogno giornaliero di vitamina C, che aumenta con l’età, in gravidanza e in allattamento: dai quindici anni in poi, per i maschi è raccomandata l’assunzione quotidiana di 105 mg, per le femmine di 85 mg.

Il ruolo degli integratori.

La vitamina C è disponibile anche sotto forma di integratori, di cui in commercio sono reperibili numerose varianti e diversi formati. L’Iss illustra in proposito alcuni degli impieghi più comuni di questi prodotti e i loro benefici: «L’assunzione di integratori orali di vitamina C non previene il raffreddore comune, ma alcune prove dimostrano che il raffreddore può durare meno giorni e che i disturbi possono essere meno gravi nelle persone che consumano regolarmente adeguati livelli di vitamina C. L’assunzione di integratori orali di acido ascorbico, in combinazione con altre vitamine e minerali, sembra inoltre prevenire il peggioramento della degenerazione maculare legata all’età, mentre alcuni studi suggeriscono che le persone con livelli più alti di vitamina C nella loro dieta abbiano un minor rischio di sviluppare cataratta».

© Riproduzione riservata